lunedì 13 gennaio 2014

13 Gennaio 2014


Ieri sono stato ad un compleanno con i miei amici e il mio ragazzo..
Una bella tavolata di persone.

Parlando di un non ben definito "più o meno" che non ricordo, una mia amica mi fa "si vede che tu sei l'uomo e la donna è LEI".  E io "Scusa? Lei?". "Si la donna è lei". Probabilmente aveva bevuto.. spero. Ah già.. si parlava di pulizie di casa.. che io pulisco poco e se ne occupa più che altro il mio ragazzo.. quindi pulizie -> roba da donne.. come se il ragazzo della mia amica non pulisse il sabato mattina.. quindi il sabato sera lei indossa una cintura fallica e se lo scopa??!! - un pò ce la vedrei.. -_-'

Ho lasciato andare il discorso ma la cosa mi ha dato noia.. tanto che oggi mentre preparavo dei molto salutari biscotti integrali ripensavo al discorso.. e mi ha fatto un pò rabbia.. e ad avere la risposta pronta (uno dei tre desideri da chiedere al genio della lampada...) avrei risposto:
"Guarda che nel culo lo prendo anche io!"
(e tutti i commensali si sarebbero girati a guardarci..)

A parte gli scherzi mi ha dato noia la superficialità e il luogo comune..
- primo che ci sia per forza "un uomo e una donna" non è detto. sono stereotipi. e comunque una cosa è avere un lato femminile più accentuato, un altra è permetterti di chiamare "lei" il mio ragazzo. Neppure si vestisse da donna O_o

- secondo per lui non è una cosa così semplice da accettare il fatto di essere considerato più femminile e gli crea molte insicurezze come maschio. Quindi un pò di rispetto per il vissuto di una persona che non viene neppure accettato molto serenamente.

Lui in ogni caso non ha sentito nulla (credo).

Mi rode non averlo difeso a spada tratta, un semplice "non permetterti di dargli del 'lei' " così sembrava pure ironico.. forse perchè so che nella mia amica non c'era cattiveria ma solo superficialità e di fatto, non conoscendo la varietà delle coppie gay, si trova davanti noi che oggettivamente abbiamo ruoli abbastanza evidenti e ha fatto 1+1=2.

4 commenti:

  1. Beh, credo che rimanendo in silenzio hai fatto la cosa giusta, perché sei un signore. Una persona, in questo caso la tua amica, deve aver l'accortezza di rimaner in silenzio quando non sa nulla su una realtà.
    Però, il fatto che tu ti sia arrabbiato è così romantico. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah in effetti un po romantico è ;)

      Elimina
  2. Potevi rispondergli "guarda che lui è gay come me, non etero-curioso o confuso".
    A volte certe donne etero hanno una visone più maschilista e ristretta dei maschi,ed è una cosa che mi lascia sempre stupito, come se da questa divisione netta dei ruoli trovassero una qualche forma di sicurezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella risposta non l'avrebbe capita... XD
      si in effetti hai ragione sulla visione più ristretta.. ho questa sensazione anche io.. anche se effettivamente le altre amiche non hanno mai detto niente a riguardo e quindi chissà come la pensano :P

      Elimina