domenica 2 giugno 2013

2 Giugno 2013



Una decina di giorni fa ho letto del tipo.. Dominique Venner.. -famoso scrittore e storico di estrema destra - che si è sparato a Notre Dame per protestare - fra le altre cose - contro le unioni gay in Francia.. Simbolicamente nel giorno in cui veniva approvata la legge per le unioni gay.

A dir la verità mi ha turbato. Atterrito. Per qualche giorno.

Questo si è ucciso pur di cercare di togliermi dei diritti. Pur di farmi sentire diverso.

Già non capisco il perchè molte persone/la società/etc.. ci considerano "sbagliati" e ci neghino questo diritto con ostinazione. Non lo capisco. Sarà che vivo una relazione stabile e che per me non è molto diversa da una relazione etero: solo farsi più scrupoli quando giri per strada e avere più peli sullo stomaco per ignorare qualche occhiataccia di qualche passante.

Poi per me che si chiami matrimonio o unione civile non importa nulla. Fra l'altro mi stupiscono coloro (anche gay) che si fissano su questo dettaglio. Via ragà.. un passo per volta.

Rispetto il pensiero che le unioni fra omosessuali siano sbagliate. Anche se, appunto, non lo capisco. Capisco però chi è contrario all'adozione, dato che coinvolge un bambino. Ma penso che sia meglio 1000 volte essere adottato da una coppia gay che passare anni in orfanotrofio. Il nostro amore è uguale a quello di una coppia etero.

Recentemente ho visto il film "Transamerica" per la settimana dell'orgoglio gay. Mi ha commosso.
Mi ha dato una prospettiva diversa verso ciò che può significare essere transessuali. Un aspetto dell'omosessualità che non ho mai compreso particolarmente. E mi ha colpito come la sensibilizzazione ad un argomento possa far cambiare profondamente opinione.

Stimo che qualcuno sia così convinto delle sue idee da arrivare ad un gesto tanto estremo anche
se sono contrario all'estremismo.. di qualunque tipo si tratti.

Mi ha ferito che ci sia questo odio e che qualcuno si sia tolto la vita per questo.

Parallelamente è morto Don Gallo. Direi una personalità opposta al tipo suicida. Persona di cui ho sentito poco parlare ma uno dei pochi preti "alternativi" che secondo me hanno capito qualcosa dello spirito di Cristo.

Su Facebook vari commenti di saluto e un mio conoscente commentava che mai sarebbe stato ad una sua messa, che non condivideva nulla di ciò che diceva il prete, che il messaggio della chiesa deve essere unico (su questo ha ragione) ma non è quello espresso da Don Gallo che è sbagliato.

Click su "rimuovi dagli amici". Mi ha schifato. Già ero irritato per il suicidio a Notre Dame.

Non è mio "amico" neppure nel vuoto del suo significato su Facebook uno che è così d'accordo col messaggio della chiesa da arrivare a non vedere il bene che ha fatto una persona persino nel giorno della sua morte.

Poi un paio di giorni dopo che stavo guardando chi era il tipo che si è sparato.. magari era un depresso.. magari malato in fin di vita.. chissà.. cercavo una motivazione per sminuire il suo gesto..
Googlando è uscito il gesto di una FEMEN - che sarebbe potuto stare in un film di Quentin Tarantino - che, sempre dentro Notre Dame, il giorno dopo, ha mimato con una pistola giocattolo il gesto dell'uomo suicida. Solo che era nuda e aveva dipinto sul corpo "Fascism rest in hell" e "in gay we trust". Ecco che è stata mitica.. cioè.. ha annullato con un altro gesto uguale e opposto il messaggio negativo dell'altro. Mi ha commosso. Ovviamente i giornali ne hanno parlato pochissimo in confronto...

Ecco che il piatto della bilancia torna in equilibrio e come ci sono persone "cattive" (passatemi il termine semplicistico) ci sono persone "buone". E qualcosa dentro di me si è tranquillizzato.. che quella tipa di FEMEN l'avrei abbracciata e baciata.. che ha combattuto per me.. e mi ha dato speranza.

Grazie.

P.S. poi che sembra una psicopatica è un dettaglio.. ;P



Nessun commento:

Posta un commento