giovedì 21 marzo 2013

21 Marzo 2013


Da "pischello" mi ricordo che vidi alla TV un documentario sui pompieri. E c'era uno spezzone sulla vita di questo pompiere ormai in pensione e anziano che raccontava di quando sua moglie l'aveva tradito con un altro pompiere, caro amico di famiglia. Io pensai, nella mia visione in "bianco e nero" che quella stronza doveva morire. Lui invece le chiese "Amore scusami. Perdonami. cosa ti ho fatto mancare? Perchè hai sentito il bisogno di tradirmi?". Lei c'è rimasta di sasso e sono invecchiati insieme. Happy ending. E' uno sketch che mi è rimasto vivido nei ricordi.

Durante il giorno altri sms. il cuore è gonfio e a lavoro ho voglia di piangere.
Gli scrivo che non posso credere che possa esistere qualcuno in grado di mentire così, guardandoti negli occhi, piangendo 20 minuti a dirotto.
Non voglio crederci. E' l'unico motivo che mi spinge a dargli fiducia.

Sono stato in palestra che mi ha scaricato un bel pò. Poi ad un corso e sono rientrato a casa verso le 23.30.

Ci siamo visti verso le 20.30 per prendere un panino insieme fra l'uscita da palestra / inizio corso.
Mi sono immaginato per un attimo con qualche altro ragazzo, il nostro primo appuntamento senza impegno a mangiare un panino con una birra.
Era li in zona perchè è stato dalla "mia erborista" a farsi i fiori di Bach, come ulteriore dimostrazione del suo impegno a migliorare.

Ho parlato con la mia erborista (che tiene il corso) chee appena arrivato mi ha detto che era passato lui a farsi i fiori.
Le ho detto che è il mio ragazzo e che siamo in un periodo difficile, le ho spiegato un pò la storia e come mi sento e lei, pur mantenendo il segreto professionale,
mi ha detto che lui si rende conto dei suoi errori e ci sta lavorando ed è in una fase di profondo cambiamento. Come me.
Al corso ho scelto a caso un fiore ed è uscito "Wild Rose". La rosa selvatica o canina. Per le "delusioni affettive, le aspettative deluse". L'erborista mi sorride.
Finito il corso quando stavo per uscire mi dice "abbi fiducia!".

Tornato a casa, appunto verso le 23.30, lui mi ha fatto trovare un cuore di candeline accese, come quando festeggiammo il nostro primo mese insieme, calici col vino, fragole, un bigliettino con scritto "voglio riconquistarti" o qualcosa del genere. E' stato davvero carino. Ovvio che questo non basta ma ho apprezzato.

In camera mi sono spogliato per mettermi più comodo e c'era il portatile col suo profilo di facebook aperto. Ho spiato. Ho letto la conversazione con una sua amica ma non c'era scritto nulla, lui che sperava che le cose si sistemassero, lei che lo rassicurava e gli diceva che mi vede innamorato ed è positiva.

Non voglio trasformarmi in un mostro che controlla ogni cosa, il pc, il cellulare etc.. voglio vivere tranquillo e con fiducia come ho sempre fatto.

Stavolta, anche se non me la sentivo, ho acconsentito ad un bacio e non mi ha infastidito per fortuna. A dispetto di quanto immaginavo.

Siamo stati un pò a coccolarci e a parlare e poi a dormire che era già l'una di notte.

La mattina avevo voglia di fare l'amore. E l'abbiamo fatto. Sono entrato più tardi a lavoro :)
Ogni tanto gli sussurravo qualche cosa di eccitante.. ma mi tornavano in mente le frasi che aveva scritto ad altri.. e dovevo scartarle perchè non voglio giocare a ferirsi, a vendicarsi.

E' andata bene... Ho sentito se aveva i brividi, la pelle d'oca, quando lo toccavo e ancora c'era. Avevo paura non ci fossero.

Sono venuto presto, quasi come uno sfogo, quasi in silenzio, ma ho continuato senza problemi, senza fermarmi. Stranamente non mi dava fastidio continuare e "il mio lui" era sempre duro. Non mi sono fatto problemi a venire presto, chi se ne frega.

Mi sento diverso. Per ora è normale, fisiologico direi.

Sono più freddo, mi sento più egoista e appunto, menefreghista. Non mi va di scrivergli sms o di sentirlo. Sento che l'eventualità di lasciarsi non mi fa paura e non sento più la volontà di "essere un buon compagno" per meritarmi il suo amore (il che può essere un bene). Non riesco a chiamarlo "amore".
Anche qui, nei post, scrivo "lui" e non il mio ragazzo, il mio cucciolo etc.. sono termini che adesso non sento veri.

Forse tutto questo si chiama disillusione?

Mi riaffiorano alla mente le frasi che ho letto. La testa è piuttosto convinta che ci sia stato davvero un tradimento. Perchè scrivere "fino a settembre non riscendo" se è tutto virtuale? La cam non conosce distanze, no? Come ha scritto in qualche altra conversazione "si tradisce col corpo, non col cuore". Ho chiuso gli occhi mentre mi faceva un pompino e ho immaginato fosse un altro. Chiunque altro. E in effetti è vero. Solo sensazioni fisiche. Solo corpo. A occhi chiusi che differenza fa se è lui o un altro?  ."Sei il primo con cui andrei da due anni.. non voglio sesso freddo..".

Comunque non mi va di buttare via due anni insieme, un cammino insieme, tutti i cambiamenti che abbiamo fatto e le difficoltà superate, per un forte fortissimo sospetto. Ho parlato un pò con una mia amica per schiarirmi le idee. Provo a riconsiderare il significato di tradimento (indipendentemente che ci sia stato o no), da qualcosa di imperdonabile, a qualcosa di perdonabile e "incidente di percorso", a cui si può concedere, per una volta, fiducia. Non dovremmo sostenerci a vicenda in una coppia? Se uno cade l'altro non dovrebbe porgere una mano? provo a porgere una mano, almeno stavolta. Ci provo, forse il perdono è questione di esercizio. A lasciarsi si fa sempre in tempo, se non deve andare non andrà, non sono il tipo che tenta di rianimare i cadaveri. Non voglio però cadere nel tranello dell'orgoglio, del fargliela pagare, del dente per dente.

E in futuro, in una nuova relazione, se ricapitasse, ogni volta dovrei troncarla? Ogni volta per poi riprendere da zero? Ha senso?
All'anima importa davvero di un tradimento o è più importante come si reagisce ad esso?

Cerco di essere come la volpe del Piccolo Principe:
"L'essenziale è invisibile agli occhi. Non si vede bene che col cuore".

Stanotte ho sognato ancora. Stavolta prima chattavo di nascosto senza farmi vedere da lui. E in secondo sogno sbavavo dietro una bellissima ragazza. Un sogno così non mi capitava da anni. Sarà che, uscendo dalla palestra, ho adocchiato una tipa carina e le ho sorriso?

Che terremoto.. la mia anima trema.

6 commenti:

  1. Ho letto gli ultimi due post. Mi spiace.
    E' solo un mio parere, credo che il tempo ed il cuore ti faranno capire se vale la pena di superare questo brutto momento, magari rafforzando il rapporto. Ma solo tu capirai questo.
    Io spero che tutto si risolva, davvero. Ti abbraccio fortissimissimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.. capire non è proprio facile :)
      tante domande mi sto facendo..
      grazie x l'abbraccio :)

      Elimina
  2. Mammamia!
    Stai affrontando il tutto con una maturità che non so se avrei io. Posso solo farti in bocca al lupo e sperare per il meglio per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bo... spero di affrontarla con maturità.. ma anche in modo "giusto".. bo.. sono confuso.. grazie x l'augurio :D

      Elimina
  3. Senza passare su tutto come se non fosse successo nulla non farti prendere però dal tarlo del dubbio e del sospetto, gli esseri umani hanno le loro debolezze, questo certo non deve fare di te quello che accetta e perdona tutto ma proprio come dici, per non voler buttare questi due anni di vita insieme e se percepisci che lui tiene a te cerca un modo per andare avanti e buttarti alle spalle questo brutto momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si lo so.. condivido e lo tengo sempre ben presente.
      Semplicemente non si può spegnere la voce del tarlo.. nè si può accendere quella del perdono.

      Elimina