mercoledì 23 maggio 2012

23 Maggio 2012


"15 anni di repressione psicologica e contemporaneamente 10 anni dietro ad un amico etero.. (ma era solo amicizia.. mica omosessualità)" è il commento che ho lasciato adesso su un blog riferendomi alla mia "accettazione"..

Ogni tanto ripenso a tutto il tempo perso.. avrei potuto capirlo e accettarlo quanto meno dal 2007..
anno in cui ho iniziato timide chiacchierate in chat con qualche ragazzo per capire se ero davvero gay o no o appunto era solo "un modo diverso di percepire il mondo" XD

Leggo tanti post di ragazzi mooooltooo più giovani che penso che alla mia età avranno così tanta esperienza.. Poi come sempre penso: Ok.. probabilmente non ero abbastanza "alla frutta" per accettarlo.. non avevo preso abbastanza batoste col gentil sesso.. mi sembrava di essere ancora "giovane" e di avere tutta la vita davanti :P

Se ci ripenso.. già nel 2007 c'erano 3 ragazzi che mi piacevano.. di uno avevo un pò una cotta e mi chiedevo se potesse essere gay o no.. ogni volta che lo vedevo ero contentissimo.. e anche negli anni a venire qualche bel ragazzo su cui fantasticavo c'era..

Insomma.. oltre alla mia grande cotta, il primo amore etero che non si scorda mai e percui si sta male anni, c'erano tanti altri ragazzi interessanti (dato che all'inizio mi giustificavo con me stesso dicendo: ma mi piace solo lui.. sarà un caso.. XD )

E quindi proprio non riesco a capire come ho potuto essere così cieco.. Sono persino arrivato a prendere degli integratori di zinco - che favoriscono il desiderio sessuale - perchè non riuscivo a spiegarmi il mio relativo scarso interesse per il gentil sesso.. Ogni tanto lo zinco lo prendo ancora.. sempre la solita confezione comprata anni fa.. ma perchè fa bene anche al sistema immunitario.. :P


Penso che il fatto di considerare la mia omosessualità il sintomo di "traumi" psicologici dovuti ai miei genitori (cosa che considero ancora oggi veritiera) mi abbia sempre fatto sperare che "prima o poi" sarebbe passata da se.. dopo la prima ragazza.. o dopo la seconda.. o dopo l'adolescenza.. o... bè.. la speranza è l'ultima a morire.. probabilmente se mi fossi "sempre sentito gay" come dicono tanti altri ragazzi le cose sarebbero andate diversamente.


A volte mi fa ansia pensare di essere in una relazione stabile.. (per quanto sia indubbiamente la più appagante che abbia mai avuto) Una parte di me legge le esperienze di blogger della mia età o oltre e si rende conto che il tempo di farsi qualche esperienza in più verrà comunque (a meno che il mio attuale nonchè primo ragazzo sia come un diamante.. per sempre..)
Ma un'altra parte insinua che forse non sarò gay tutta la vita.. ok, se poi lo sarò andrà bene.. (piccola concessione che mesi fa non c'era.. mesi fa era impossibile e al massimo sarebbe durata 1-2 anni) ma forse fra qualche anno ci sarà una nuova "inversione di polarità".. e allora.. mica vorrai essere troppo in là con gli anni per farti una famiglia?? ..perchè un desiderio di un figlio lo sento anche adesso.
(e per quanto sia favorevole all'adozione.. mi dispiacerebbe che la mia eredità genetica finisca con me.. visto che è una gran bella eredità XD ) Quella stessa parte mi suggerisce che forse se mi facessi più esperienza.. cioè se saziassi le mie voglie.. accellererei "l'inversione di polarità".. maledetto serpente..

Probabilmente è che ho difficoltà a credere che "gay" e "aspettativa sociale", "gay" e "vai bene così", "gay" e "felicità", "gay" e "normalità" possono andare a braccetto.. e il giudizio, la paura di fallire, etc.. pesano ogni tanto come macigni.

Poi per fortuna i bei periodi col mio ragazzo e delle nottate molto.. voraci e sazianti.. zittiscono le "voci" e il serpente si morde la lingua.. XD

23 commenti:

  1. il finale di questo post è stata la parte più bella XD che detto così non è carino ma bòn...
    anche per me, che non ho avuto grossi problemi di accettazione, c'è stata una fase in cui vivevo la gaiezza come qualcosa di anormale, che non poteva darmi un futuro... poi col tempo, con le esperienze, ho capito che le gioie vissute, le situazioni, i dolori, erano quelli che avrei dovuto vivere, che mi hanno fatto crescere. probabilmente non sarebbe stato così se avessi accomodato la cosa, mettendomi con la prima ragazza carina che sarebbe stata con me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le carinerie le lasciamo per altri blog.. viva la sincerità ;) (e la moretti..)

      non sempre ho voglia di scrivere post più o meno divertenti o leggeri.. a volte le seghe mentali ci vogliono :)

      Elimina
  2. "sperare che "prima o poi" sarebbe passata da se..."
    per me è stato esattamente uguale. Anni e anni (20 per l'esattezza) a sperare prima o poi di diventare "normale". Quando forse normale lo sei già...
    El tua soluzione per far "tacere il serpente" alla fine è senz'altro un'ottima soluzione, e forse è anche la migliore ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già.. a capirlo prima di essere normale.. l'ambiente familiare in cui sono cresciuto non aveva un atteggiamento "neutro" verso l'omosessualità ma sempre dispregiativo.. per forza che poi passi anni a reprimerti..

      Elimina
  3. Narciso ma chi non ha avuto questi problemi!?
    Io non ho mai avuto difficoltà nell’accertarmi, l’ho scritto più volte, ma il problema è uscire allo scoperto. Perché non è facile, ogni giorno è una battaglia, purtroppo la nostra società è così, essa rende tutto più difficoltoso.
    Ognuno ha i suoi tempi, non è strano, è normale.
    Non ti fare delle seghe mentali assurde, hai vissuto momenti difficili, credi che la felicità e la serenità siano passeggere e provvisorie, ma non è così, i dubbi se ne andranno.
    Un bacio e buona notte ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte combattere tutti i giorni stanca e uno vorrebbe un pò di pausa..

      Cmq tranquillo.. questo è il mio diario segreto che un giorno stamperò e mi rileggerò fra anni (come è successo con altri miei blog) e quindi mi va che ci siano scritti un pò tutti i miei stati d'animo e pensieri.. sennò me li scordo.. :)

      notteeee ;)

      Elimina
    2. Forse un giorno la situazione cambierà, non si dovrà più combattere… Chissà!
      Così ti farai i soldi e te ne andrai alle Seychelles…
      Ma Narciso, allora ci sfrutti per arricchirti!
      Va beh fa niente ciao

      Elimina
    3. Che scemo XD " vi sfrutto " ;) ma se scrivo tutto io! potresti darmi una mano e scrivere qualche capitolo della mia autobiografia!
      Pensa se divento famoso puoi dire: io lo conosco! E puoi scrivere una biografia non ufficiale su di me ;-) tanto la tesi l'hai finita.. XD

      Elimina
    4. Ma i commenti!?
      Non li metterai nel libro!
      Se ti aiuto, voglio partire anch'io alle Seychelles!
      Un bacio e ciao ^_^

      Elimina
    5. X curiosità sono andato a vedere qualche immagine delle seychelles.. Il prox anno prenoto il volo! tanta roba! ;-) bacio

      Elimina
  4. Indipendentemente da quanto ti ci è voluto per realizzare, penso che sia meglio che sia andata così piuttosto che scoprirlo in frangenti peggiori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo.. è stata proprio la paura di scoprirlo dopo essermi, fai conto, sposato e con figli che mi ha convinto a darmi una mossa... è comunque un percorso e ogni tanto uno si chiede quali saranno i prossimi passi..

      Elimina
  5. zinco? Matto!! xD hahaha dopo questo commento molto fuori luogo ti dico che sono problematiche che più o meno tutti abbiamo passato e che comprendiamo bene.
    Non è facile devi solo trovare il tuo equilibrio.. e da quello che vedo con il tuo lui lo hai già trovato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è andata bene che lo zinco poteva servire allo scopo.. altrimenti avrei preso anche di peggio XD ..ormoni puri ;)
      già.. trovare l'equilibrio.. pian piano.. a volte ci si sbilancia un po.. capita anche ai migliori funanboli ! XD

      Elimina
  6. La mia storia è simile...ex fidanzato con una ragazza, esperienze con amici etc e bla bla...io ho 31 anni e so CHE DOMANI dovrò morire, come tutti...e allora un mini pensiero: VIVERMELA! Al cazzo i giudizi, io ho la lingua tosta e biforcuta e se sentissi giudizi mordo...in buona fede! IO VIVO....fanculo agli altri! ^___^ incisivo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah incisivo come sempre ;-)
      anche io me la vivo! ma ogni tanto un pensiero al futuro mi viene da farmelo.. nonostante le meditazioni zen x cui dovrei pensare solo al presente .. ooooommmm..

      Elimina
  7. Ormai la scienza ha fugato tutti dubbi che traumi psicologici relativi alla famiglia possano influenzare l'orientamento sessuale dei figli (una volta si diceva della madri autoritarie) e se può accadere sono casi molto rari e di breve durata, poi la natura trova il suo corso.
    Quello che mi stupisce (che volete sono la solita "bella" addormentata nel bosco) è che molti ragazzi che hanno più o meno la metà dei miei anni quindi nati in anni recenti e con genitori che hanno poco più dei mie anni abbiano tutte queste difficoltà e paure ad accettare la propria natura mentre sarebbe molto più semplice non farsi troppe domande e vivere la vita come viene prendere quello che ci piace e rifiutare quello che non ci piace perchè come diceva Freud "le cose che perdiamo si vede che non ci interessavano".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi non riesco a credere che le cause siano solo genetiche.. fra dieci anni forse mi convincerò.. X me non era così inconfutabile che fossi gay.. Speravo fosse qualcosa di psicologico che sarebbe passato. il vivere tranquillamente la propria natura.. be.. dipende dall'ambiente in cui cresci.. Se tuo padre è sempre stato omofobo e ti ha sempre spinto verso le donne magari sentire una parte di te omosessuale non ti fa contento e speri sia qualcosa di limitato e reprimibile.. non lo vedo così fuori dal mondo..

      Elimina
    2. No fuori dal mondo certamente no, l'ambiente in cui si cresce ha certamente la sua importanza su molti aspetti della nostra personalità.

      Elimina
  8. Anche per me, come per Amleto, il vero problema non è stato accettarmi ma farmi accettare dagli altri! Ovviamente se non ci fosse il pregiudizio altrui non ci sarebbe nemmeno un problema di accettazione della propria omosessualità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No infatti.. dipende dall'ambiente in cui si vive.. magari la prossima generazione sarà più fortunata.. x me accettarmi e farmi accettare va di pari passo. mi rifiuto di vivere "nascosto" quindi via via che mi accetto e sono in pace con me stesso esco sempre più allo scoperto.

      Elimina
  9. Quella dello zinco non la sapevo...ma direi che per ora non ho bisogno, i miei omormoni si dan fin troppo da fare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente un calo di desiderio può essere legato ad una carenza di zinco... non è che lo zinco è tipo viagra ;P
      quindi se il livello di zinco torna nella norma torna anche il desiderio..peccato che il mio desiderio x le ragazze fosse di natura basso..

      Elimina