domenica 13 maggio 2012

13 Maggio 2012

Oggi non ho voglia di scrivere della mia vita privata o di me.. quindi..

VARIETA'.. MOMENTO CULTURALEEE.. (chi ha detto "oh nooooo" ??!!)


Tempo fa sono stato al cinema a vedere l'ultimo film di Ozpetek.. "Magnifica presenza"..
Avevo visto tempo fa "Mine Vaganti" e mi era piaciuto parecchio (per vederlo ho dovuto superare l'idea che Scamarcio fosse un attore solo per bimbe-minkia) e in epoche remote altri suoi film come "Le fate ignoranti" "Saturno contro"..

Insomma quest'ultimo film.. vuoi forse per i 7.5 euro di biglietto.. (mercoledì a prezzo ridotto non potevamo andare) mi ha lasciato deluso.. principalmente per l'inutilità del protagonista omosessuale.. che poteva tranquillamente essere etero e non sarebbe cambiato nulla.. nel senso.. uno si aspetta da Ozpetek che sia affrontata qualche tematica tipica gay e invece no.. due seghe mentali del protagonista e basta.. insomma.. per me sconsigliato.. almeno NON da andare a vederlo con l'ottica "mi vedo un film che parla di tematiche gay". Ovviamente al cinema eravamo quasi tutte coppiette gay.. (eravamo in una decina di persone..)

Cercando info sul film e saltando come una scimmia da un link ad un altro ho scoperto che persino il grande Walt Withman era gay.. e che al suo tempo però le cose erano molto più incasinate.. tutti si ricordano del film l'Attimo Fuggente: "E risuona il mio barbarico YAWP sopra i tetti del mondo!"

Ho poi scoperto che "il peggior regista di tutti i tempi", tale "Edward D. Wood Jr." (molto ammirato dal mitico Tim Burton) aveva manie di travestitismo (e come ci dice wikipedia: feticismo per i golfini d'angora da donna...........) e già nel 1953 nel film "Glen or Glenda" aveva affrontato questa tematica cercando di trasmettere un messaggio positivo.. se penso al medioevo in cui siamo noi oggi..

Il film gli è stato ispirato da un evento.. l'operazione di cambio di sesso di tale Christine Jorgensen (ex George qualcosa) nel 1952.. ecco.. mi ha lasciato di stucco che già a quell'epoca fosse possibile tale operazione senza restarci secco (è poi comunque morta di cancro a 62 anni) e che ci fosse il clima culturale per farla.. è vero che erano in America.. immagino l'itaGlia del 1952....

Addirittura sembra che le primissime operazioni di vaginoplastica risalgano al 1930... stupore...

E insomma.. mi ha stupito da quanto si combatte per il diritto di poter vivere la sessualità come ci pare e piace.. e immagino i disagi e le difficoltà enormi di quei tempi.. già oggi è difficile.. a quei tempi erano eroi..

P.S. E lo sapevate che il primo Dracula interpretato da Bela Lugosi (che ha partecipato anche al film di cui sopra Glen or Glenda) diventò morfinomane e quando morì si fece seppellire con addosso il mantello di dracula??

FINE DEL BREVE MOMENTO CULTURALE
(troppa cultura fa male)

7 commenti:

  1. Ed io che non vedevo l'ora di vedere "Magnifica presenza"... Ma le varie recensioni lette nei blog mi hanno fatto passare la voglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come commedia non è brutta.. al mio ragazzo è piaciuta. La componente omosessuale è relegata in una micro nicchia insulsa.. se capita a poco guardatelo.. ma non al cine..

      Elimina
  2. Beh... secondo me la cosa interessante di Ozpeteck è che in alcuni suoi film l'elemento omosessuale non deve essere per forza un punto centrale della vicenda, una problematica, una questione da affrontare.
    Se penso, per esempio, a "La finestra di fronte" (quanto è bello quel film??? *_*) la storia d'amore omosessuale sarebbe potuta tranquillamente essere eterosessuale. Ma proprio perchè Ozpeteck ce la racconta in maniera normalissima, senza mostrarla come una cosa strana o sconvolgente, diventa interessante.
    Trattare l'amore omosessuale cose si tratterebbe un'amore eterosessuale, con la stessa semplicità e normalità, per me è un gran pregio :)
    Comunque... ancora non l'ho visto "Magnifica presenza"... cercherò di vederlo quanto prima ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le storie di amore omosessuale trattate come una cosa normale .. come dovrebbe essere appunto.. piace molto anche a me.. a me vengono in mente le scene di saturno contro.. ma in magnifica presenza è praticamente assente la componente omosessuale.. per vedere una commedia qualunque allora ci sono registi ben più bravi..

      Elimina
  3. io non lho visto perchè letto di commenti negativi ma in dvd lo vedrò sicuramente...Beh io ho visto To Rome in Love e la delusione è stata pazzesca...solo Benigni ha dato il meglio di se...ma non avevam dubbi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti.. in dvd ok.. poi dipende che ti aspetti da un film..

      Elimina